Siesta

Progettazione e modellazione isola ecologica

Osservando le varie tipologie di arredo urbano esistenti, ci siamo accorti che raramente gli elementi seduta, fioriera e cestino sono accorpati in un unico sistema; spesso anzi non sono nemmeno parte della stessa linea ma il frutto di scelte non coordinate.

Nasce così l’idea di creare un sistema componibile che funga da isola verde sia nei parchi urbani ed extraurbani, sia in spazi urbani dove il verde è carente.

Siesta infatti è un sistema smontabile e trasportabile, non richiede interventi sul suolo di appoggio e può quindi adattarsi anche a superfici asfaltate.

Progettata in collaborazione con Silvia Guerini l’isola modulare Siesta è stata presentata al concorso “Designs for a new world” durante la decima edizione di Interieur.

Si compone di un grande vassoio che accoglie sia alcune sedute che a seconda delle esigenze possono trasformarsi in fioriere, sia alcuni cestini modulari per la raccolta differenziata. La base del vassoio è composta da una parte con terriccio ed erba ed una parte, alla base delle sedute, destinata a produrre energia micro-eolica con il movimento dei piedi delle persone in sosta.

Un elemento innovatore è il cestino compostore, che permette la raccolta pubblica di rifiuti organici selezionati e quindi la loro trasformazione in terra concimata utile per alimentare l’aiuola stessa, le fioriere o altri elementi verdi dei parchi circostanti, così come potrebbe, gestita ad esempio dal comune, essere ripartita tra i cittadini che ne fanno richiesta per uso privato.

Il compostore è dotato di un sistema di svuotamento che con una rotazione della parte superiore del contenitore chiude la base perchè possa essere sia rimestata – come è previsto periodicamente perchè il compost si amalgami e favorisca la fermentazione – sia capovolta e svuotata nell’apposito mezzo di trasporto raccoglitore quando il compost si è formato.

Inoltre i cestini per il riciclo (vetro, carta, plastica e rifiuti organici non compostabili, distinti per colore) non sono dotati di sacchetto raccoglitore interno e sono facilmente lavabili evitando così un lavoro supplementare agli operatori incaricati della pulizia, risparmiando sacchetti.

Altro elemento innovatore sono delle fasce circolari alla base delle sedute che essendo gonfie d’aria possono venire pompate col movimento dei piedi di chi è seduto nell’isola per generare energia attraverso il movimento di una micro-elica centrale posta sotto il pavimento. L’energia accumulata è sufficiente per ricaricare la batteria di un iPod, un cellulare o un portatile o qualche altra periferica in uso degli utenti seduti. Le fasce sono distinte per colore e si azionano col movimento dei talloni poiché poste in modo da facilitare ergonomicamente questo movimento del piede.

Il materiale adottato è una plastica riciclata al 100% e resistente agli sbalzi di temperatura, alle condizioni climatiche esterne e all’esposizione al sole. A questa plastica si aggiunge un additivo luminescente fotosensibile che si ricarica con la luce del giorno restituendo luce a bassa intensità di sera. Si crea così un effetto luminoso che permette di riconoscere l’aiuola ma anche di dare luce a zone urbane talvolta poco illuminate, aumentando la sicurezza per il cittadino.

 

Siesta Base

Siesta Panca

Siesta Compost

Siesta Reciclata